Press "Enter" to skip to content

Fa la stessa cosa che Ronaldo nel “Real”

Fa la stessa cosa che Ronaldo nel “Real”. Uno a sinistra. Sinistra Mohamed fa ciò che Ronaldo – destra, sinistra e testa.

“Liverpool” ora – questo è “Real”, cosa dovrebbe essere. Velocità, aggressività, classe. E il suo Ronaldo in riccioli. Pertanto, gli inglesi si occuparono così facilmente della difesa dei “rom”, che, in generale, nulla.

Gli italiani non hanno problemi di intensità, potenza e con un cavalcavia. La velocità è il problema dei club italiani.

A velocità, è difficile mantenere la geometria precisa del centrocampo e seguire l’allenamento tattico di difesa. Pertanto, in Italia, non c’è fretta. Pertanto, vola regolarmente lontano da squadre che giocano in touch e hyperound.

“Liverpool” non ha bisogno di geometria. E la difesa è facoltativa. Ha bisogno di segnare, sparare, strappare. Desiderio predatorio grossolano, che stravolge completamente i meccanismi mentali di un nemico civilizzato.

Ronaldo in riccioli e un gol da fuorigioco. Non “il Liverpool” ha sconfitto “Roma” Foto: Corriere dello Sport, Tuttosport

“Liverpool” e “Roma” ieri – questo è Archimede e un soldato. “Rom” ha bisogno di geometrie, progetti, un’idea – un piano per l’implementazione.

E “Liverpool” ha appena tritato “Roma”. E corse attraverso i progetti.

Forse non è più forte del Barça. Lui non ne ha bisogno. È importante che ieri “Liverpool” fosse più forte di “Roma”.

Mohamed Salah è diventato di nuovo il front man della partita – ha segnato due gol e assistito Sadio Mane con Roberto Firmino, e celebrato gli obiettivi della ex squadra, ed elegante accelera tutti i 74 minuti. Solo nello scenario di questo match di gridare il “Golden palla” egiziano o il grande potere di “Liverpool” – la vergogna e la stupidità del livello federale. Non è stato un assolo singolo giocatore la distruzione del club, che non era il potere collettivo del club come il “Barcelona”, “Bavaria” e il “vero” in tempi migliori. Tutto è molto più semplice e molto più primitivo – è uno dei contendenti banali arrivato per la partita.