Press "Enter" to skip to content

Ho appena seguito il mio sogno

“Ho appena seguito il mio sogno. Dio ha fatto il resto! “, Ha scritto Quincy Promes su Instagram. E nei commenti chiedono: “Fratello, dove stai andando? E chi sta per strappare i vagabondi? ”

Il ventiseienne olandese si sposta da Spartak a Siviglia. Non preoccupiamoci dell’ammontare del trasferimento e della durata del contratto con il club spagnolo: desideriamo che le Promes abbiano successo nella nuova squadra. Meglio discutere di come vivere ora “Spartacus”.

Quincy non si separò mai da Mosca – per quattro anni disse che era molto felice nella famiglia di Spartak. Naturalmente, per tutto questo tempo ha ricevuto offerte da altri club – e non l’ha mai nascosto. Ma ha sottolineato: “Non mi siedo e non penso a come apparirei in una maglietta di questo o quel club. Ho colori rossi e bianchi. ” E tutti capirono: prima o poi avrebbe lasciato lo Spartak. Per valutare il trasferimento a Siviglia, è ora importante capire quale parola aggrapparsi a “presto” o “tardi”?

Promes trasferite a Siviglia. “Spartacus” ha fatto un errore Foto: FC Spartak

“Se Promes non vuole più giocare, allora dobbiamo lasciarlo andare senza rimpianti. Ha agito male in relazione a “Spartacus”. Il club gli ha dato tutto. Non capisco perché si è precipitato a Siviglia “, ha detto Valery Reingold.

Il veterano si sbaglia. Promes non si precipitò da nessuna parte, non inseguì i soldi sul lato e non si sedette mai sulle valigie raccolte, come alcune tazze considerano. Hack da qualche parte: non è “Sevilla” adescato e ha acquistato Quincy – questa leadership di “Spartacus” ha deciso di vendere il giocatore, avendo emesso un accordo impulsivo per la chiusura della finestra di trasferimento dell’estate. E i dirigenti del club di capitali semplicemente non avranno il tempo di investire i soldi guadagnati in un sostituto equivalente o nel rafforzamento di altre posizioni nel team. Troppo tardi per tali investimenti – l’atto sembra male considerato, la vendita del leader sembra pignola. Non vedere la strategia, non vedere un piano per ulteriori azioni.