Press "Enter" to skip to content

Manuel Neuer: “Non sento la paura. Sto sempre pensando positivo ‘

Circondato dai trofei della Champions League nella sala del Bayern Monaco, Neuer da 6 piedi e 4 pollici, Neut da 210 libbre emana un’aura di potenza fisica, una combinazione di dimensioni, forza e potenziale di movimento ad alta velocità. Neuer parla un inglese migliore di quello che lascia intuire all’inizio, e trae un particolare piacere dal discutere la sua ultima esperienza in pista veloce, anche se ciò significa prendere dei rischi infallibili come ultima linea di difesa. “Tocca a me aiutare i miei difensori ed è meglio per me ottenere la palla prima dell’attaccante che [aspettare e] avere una situazione individuale nella scatola”, dice. “È più pericoloso che uscire, perché l’attaccante ha la possibilità di segnare un gol.Se non riesce a prendere la palla, non avrà alcuna opportunità. “Milan Suso:” Mi sento come se fossi solo al 70% di quello che posso ottenere “. Per saperne di più

Il rovescio della medaglia di Neuer approccio è la versione di calcio di hara-kiri. Se giudica male la velocità e la traiettoria della palla o l’attaccante e arriva troppo tardi, può concedere un gol e sembrare stupido nel processo. “Non sento la paura nella mia testa in questo momento”, dice. “Sto sempre pensando positivo. È tutto incentrato sul primo passo. Se penso che prenderò la palla, esco. Non posso fermarmi a metà strada perché l’obiettivo è vuoto e il giocatore avrebbe l’opportunità di sparare. Fai la reazione, e poi, ovviamente, devi essere sicuro di ottenere la palla. Ma sono anni di pratica. Non puoi dire da un giorno all’altro: “Ora lo farò”, lo sai?Devi sentirlo. ”

Quando Neuer parla delle influenze dei portieri da giovane, un aspetto rivelatore è la sua divisione tra i detentori tedeschi e non tedeschi e la sua associazione della parola” moderno “con coloro che saluta fuori dalla Germania. “In Germania, Jens Lehmann era uno stile modello per un portiere tedesco”, dice Neuer del giocatore che ha trascorso 10 stagioni allo Schalke, il club che ha sviluppato Neuer. “In stile internazionale, il mio idolo era [l’Olanda] Edwin van der Sar. Era così moderno, molto più moderno di Lehmann. Ha avuto un altro livello. Poteva giocare con il piede sinistro e destro e uscire dalla scatola ed uscire per ottenere croci. Era presente come personalità. Poi c’era Oliver Kahn: i suoi riflessi, la sua ambizione. Si è allenato duramente, e in quel senso era il mio idolo.Quindi ho messo insieme diversi pezzi. È come avere un sacco di allenatori e tu risparmi qualcosa dall’allenatore che pensi sia giusto per te – e questo diventa te. “The Fiver: iscriviti e ricevi la nostra email giornaliera di calcio.

Di tutti il portiere che Neuer ha avuto nel corso degli anni, quello che più riverisce è Toni Tapalovic, che è stato ingaggiato dal Bayern Monaco su richiesta di Neuer quando è entrato nel club nel 2011. Come Neuer, Tapalovic è nato a Gelsenkirchen e ha giocato in porta per Schalke. I due uomini hanno solo cinque anni di differenza e hanno sviluppato una connessione durante gli anni formativi di Neuer con il club. “Quando era il portiere numero 2 [allo Schalke], ero molto giovane”, dice Neuer. “Sapeva che ero un po ‘meglio di lui, ma mi ha sempre detto che dovevo fare di più.È rimasto fuori e ha lavorato con me quando la squadra stava entrando nel camerino. E lui era il mio collega, quindi abbiamo avuto amicizia e collaborazione sul campo. Dopo di ciò, ha avuto molti infortuni – due spalle, un ginocchio, un’anca – e ha interrotto la sua [carriera] di gioco ed è partito dallo Schalke per allenare i portieri. L’ho raccomandato al Bayern. Penso che mi abbia portato al mio miglior livello. ”

Un portiere dall’età di quattro anni, ha scoperto subito che aveva un piede di testa e una gamba in piedi, e per lui è stato più comodo salta alla sua sinistra che alla sua destra per poter salvare. Le immersioni alla sua destra, dice, spesso si traducono in atterraggi imbarazzanti che gli procuravano lividi sul fianco destro. Facebook Twitter Pinterest Manuel Neuer alza la Coppa del Mondo nel 2014.Foto: Clive Rose / Getty Images

Lavorando con un allenatore, Neuer ha dovuto allenarsi ad esplodere alla sua destra più facilmente, proprio come un giocatore destro avrebbe lavorato sul passare e sparare con la sua sinistra. l,[[370a378aaf0576609a4f74595d088356Even today, Neuer acknowledges that diving and extending his body to his right to stop a shot won’t look the same as when he does the same thing to his left.l,[[370a378aaf0576609a4f74595d088356“It’s the same power, but it looks different because the body changes when you are up in the air,” he says.l,[[370a378aaf0576609a4f74595d088356“When you are lying down on the grass and need to stand up, you stand up in a different way on each side.l,[[370a378aaf0576609a4f74595d088356It’s not symmetrical.l,[[370a378aaf0576609a4f74595d088356The important thing is that you can jump high and long and stand up quickly.Non deve sembrare perfetto, ma deve essere veloce. ”

Eppure l’interruzione del tiro, che un tempo era il segno distintivo di un portiere abile, ora è un requisito minimo indispensabile. Il portiere del 21 ° secolo ha anche bisogno di organizzare il back line e la difesa del set-piece, comandare la scatola sulle cross, interrompere gli attacchi avversari fuori dagli schemi e iniziare l’attacco della sua squadra.

Comfort sulla palla con entrambi i piedi è obbligatorio, così come la capacità di giocare passa a bersagli in movimento su distanze brevi e lunghe, con i piedi e con un lancio di overhand.Inoltre, la tendenza strategica dell’estrema pressione difensiva su tutto il campo fa sì che i portieri spesso debbano rendersi disponibili come valvole di rilascio della pressione per i difensori che devono sbarazzarsi della palla.

Se guardi Il Bayern Munich regolarmente, diventa chiaro che Neuer non stanca quasi mai la palla senza meta, come fanno molti altri portieri. Sotto Pep Guardiola, la parola che hai sentito più spesso dai giocatori del Bayern che descrivono la loro filosofia d’attacco era il “controllo”. Perché dovresti espandere la sfera e rischiare di perdere il controllo? “Il gioco di passaggio è diventato più importante”, afferma Neuer. “Raramente colpiamo solo la palla in avanti.Probabilmente ho il doppio di tocchi di palla rispetto a quello che avevo allo Schalke. ”

Il Bayern Munich e la strangolata presa di possesso della Germania spesso indicano che Neuer ha meno occasioni per dimostrare alcune delle più tradizionali abilità di portiere. Ma deve ancora chiamarli a volte, sapendo che un errore può trasformare una partita. Come fa a sapere quando uscire per una croce?Il processo di pensiero sul fatto di commettere non è molto diverso dal decidere se lasciare la sua casella per tagliare una palla passante, anche se tende a essere più traffico umano sul suo cammino su croci, richiedendogli di leggere anche più variabili in una divisione secondo. “Devi sapere quali giocatori sono nella tua zona e se hai un modo libero per arrivare alla palla”, spiega. “Se so che non riesco a prendere la palla, allora devo restare.”

A volte i commentatori della televisione dicono che i portieri dovrebbero sempre uscire per una croce nella loro scatola da sei metri. Ma Neuer sostiene che non è necessariamente il caso. “Dipende da quanto è alta la palla che entra nella scatola”, dice Neuer. “Se è una palla alta che non possono raggiungere, sai che puoi uscire.Ma se è una palla molto bassa e un attaccante è lì, è molto pericoloso e non puoi uscire. “Ancora oggi, ci sono abbastanza variabili che lo stesso detentore che si avventurerà a 40 yard dal suo obiettivo per prendere una la palla a volte rifiuta di muoversi anche di sei metri, a seconda della situazione.

Più comunemente, però, l’ossessione del Bayern e della Germania con il controllo significa che la palla è dall’altra parte del campo. Neuer dice che una delle parti più difficili del suo lavoro è quando non ha affrontato un tiro dell’opposizione in 45 minuti, e poi è improvvisamente chiamato in causa. “A volte in inverno fa molto freddo, sai, soprattutto in Baviera,” dice, sorridendo a metà ma completamente serio. “Non è facile in questo momento, perché devi andare da 0 a 100”.

Tale è la vita sull’autostrada tedesca.