Press "Enter" to skip to content

Non dubitate che dopo la partenza di Ronaldo e Zidane

A Madrid, il problema è stato risolto in modo semplice e arguto, che da lungo tempo non è stato in grado di affrontare una piovosa città inglese – dimentica Ronaldo. Sì, il Real Madrid potrebbe avere molte più partite che si sarebbero sviluppate in modo diverso con i portoghesi sul campo, ma il club ha preso un certo corso, e questa è una decisione da adulti.

Non dubitate che dopo la partenza di Ronaldo e Zidane “Madrid” attraverso il sangue, lacrime e denaro potrebbero rinascere con due o tre ragazzi capricciosi e di status nella composizione. Forse, dopo di loro, il settimo numero diventerà finalmente sacro e ogni nuovo arrivato dovrebbe essere paragonato a Raoul e Ronaldo.

Ma Florentino Perez, attraverso gli occhiali, finalmente ha capito che tipo di soluzione è miope e che è lungimirante. “Real” ha deciso di ringiovanire la composizione e costruire uno scheletro attorno ai diplomati dell’Accademia e quelli che hanno già vissuto molto nel club. Una volta un tale concetto divenne quasi una caratteristica esclusiva di “Ajax” e “Barcellona”.

Ora stanno cercando di rianimarla in un club che è stato a lungo associato alla spesa, all’egoismo e all’ambizione nella maggior parte dei fan neutrali. In questa realtà alternativa Keilor Navas ha potuto difendere un posto nei cancelli dello Spanishophile Thibaut Courtois. L’esito della partita dalla panchina è pronto a risolvere Lucas Vazquez e Dani Ceballos – prima del “Real” anche la testa non si sarebbe rivolta nella direzione di questi giocatori.

“Reale” non vale la pena di soffermarsi sulla magia del settimo numero. Dallo a Diaz – correttamente Foto: Real, AS

Infine, con il ritorno di Diaz invece del culto del settimo numero nel “Real”, sembra, formato il culto dei propri allievi.

E un anno dopo, quando Luka Modric si sarà finalmente abituata al ruolo di un venerabile veterano del titolo, il Real Madrid non dovrà più essere speso – il Chelsea Harold Kovacic, attentamente coltivato, tornerà al centro del campo.