Press "Enter" to skip to content

Theo Walcott di Arsenal: “Chiunque giochiamo, dobbiamo rispettare. Non abbiamo rispettato Monaco ‘

 

Questo era l’equivalente calcistico di Indiana Jones che si allungava e prendeva il cappello prima che scendesse il muro. All’ultimo momento l’Arsenal aveva trovato il suo obiettivo. La linea di spicco dopo la vittoria per 3-0 di Olivier Giroud allo stadio Georgios Karaiskakis, che ha spremuto l’Arsenal negli ultimi 16 anni a spese di Olympiakos nel tie-break testa a testa, è arrivato da Theo Walcott.

L’attaccante ha guardato in avanti al sorteggio di lunedì per il primo turno a eliminazione diretta e si è ricordato di quello che era successo la scorsa stagione. Dopo una qualificazione abbastanza più comoda, l’Arsenal potrebbe essere stato sorteggiato contro Real o Atlético Madrid, Barcellona, ​​Bayern Monaco, Porto o Monaco negli ultimi 16.Per il sollievo di tutti hanno preso Monaco – e l’Arsenal ha perso. Il recupero dell’Arsenal è completo dopo che Giroud ha triplato i bianchetti Olympiakos Per saperne di più

“Chiunque finiremo per giocare questa volta, dobbiamo rispettarli”, ha detto Walcott. “Monaco, ovviamente…non li abbiamo rispettati affatto.”

Se l’Arsenal non rispettasse il Monaco – non è affatto un grande salto suggerire di non rispettare la Dinamo Zagabria e l’Olympiakos quando il sorteggio è stato realizzato per la fase a gironi di questa stagione.Il club ha distolto gli occhi dalla sfera nelle prime due occasioni, perdendo 2-1 a Zagabria e 3-2 in casa contro l’Olympiakos, e il requisito per quello che il manager, Arsène Wenger, ha descritto come la “fuga più grande” sul finale La notte ad Atene è stata messa in treno. L’Arsenal ha modellato la loro ancora di salvezza con le vittorie casalinghe sul Bayern e sulla Dinamo, e l’hanno agguantato e portato in salvo in Grecia. E ‘stata un’occasione memorabile e per metterla in una sorta di contesto, vale la pena notare che durante gli anni di Wenger il club ha rovesciato il deficit dell’andata solo una volta nella competizione Uefa.

Era il 2009 -10 quando, dopo una sconfitta per 2-1 al Porto negli ultimi 16, all’andata, ha vinto 5-0 nel ritorno.Era ancora un pareggio di fase di gruppo contro l’Olympiakos ma, a causa delle permutazioni, aveva le trappole di un knockout a due gambe.

Walcott ha parlato del “fantastico atteggiamento” che la squadra aveva mostrato con le spalle a il muro e in ambienti estremamente ostili. A differenza di Monaco la scorsa stagione, quando hanno combattuto di nuovo al livello complessivo nella gara di ritorno, anche se con meno gol in trasferta, non si sono affrettati a battere l’1-0 contro l’Olympiakos. La performance è stata segnata dal freddo glaciale.

La vittoria ha la capacità di accendere la stagione dell’Arsenal, sia in patria che all’estero. Sono stati determinati a scavare durante la crisi degli infortuni, a rimanere in contatto, in particolare in Premier League, e, quando tutti sono in forma, la speranza è che possano allungare il passo.Hanno mostrato ciò che era possibile con la loro forma eccellente nella seconda metà della scorsa stagione.

Una cosa è chiara. Non si qualificano sempre con tre sconfitte nella fase a gironi della Champions League; giocare in modo rapido e sciolto potrebbe pungerli in futuro.

“Penso che questo risultato possa migliorare la nostra stagione”, ha detto Walcott. “La quantità di fiducia in quel camerino si sta diffondendo a tutti i giocatori. Questo è quello che vuoi andare nel periodo natalizio, perché il periodo natalizio della Premier League è quello in cui dovrai arrivare alla fine della stagione. ”

Ognuno dei 1200 sostenitori del club sarà ricorda mercoledì per molto tempo. È stata un’occasione in cui tutto è venuto insieme e ogni minimo dettaglio, secondo Wenger, era “perfetto”.Giroud è stato magnifico, completando la sua trasformazione personale dal cattivo di cartellino rosso a Zagabria all’eroe della tripletta, mentre anche gli scherzi psicologici di Wenger hanno dato i suoi frutti.

Ha detto alla stampa che martedì sera Olympiakos potrebbe essere presa da un ” fattore di paura “se sono rimasti indietro perché sarebbero diventati dolorosamente consapevoli di ciò che stavano per perdere – il che ha assicurato che un messaggio fosse inviato attraverso i titoli dei giornali. Poi lo ha rinforzato ai suoi giocatori nello spogliatoio.

“Quel primo obiettivo era la chiave, dovevamo solo mettere a posto i tifosi”, ha detto Walcott. “Si può dire dall’atmosfera qui che sono una parte enorme di questa squadra. Una volta che li abbiamo calmati e li abbiamo portati sulla schiena della squadra sapevamo di aver vinto il gioco. Il manager ci ha detto che all’inizio di esso.

“E ‘stata una delle grandi serate europee.Lo abbiamo reso così difficile per noi stessi, nessuno ci ha dato alcuna possibilità, ma l’atteggiamento in quel camerino è stato fantastico. Sapevamo cosa dovevamo fare e abbiamo sempre pensato che se avessimo mantenuto un foglio pulito avremmo vinto. La cosa bella di questo gioco rispetto a Monaco della scorsa stagione è stata che eravamo molto pazienti con il gioco di accumulo. Anche quando abbiamo segnato non siamo andati all’attacco a tutto campo. Eravamo tranquilli e rilassati perché c’era molto tempo. ”

L’Arsenal affronterà uno di Real, Atlético, Barcellona, ​​Wolfsburg o Zenit St Petersburg negli ultimi 16 e Walcott riflette la crescente fiducia. </P >

“Sono sicuro che nessuno di loro vorrebbe giocare con noi dopo questo risultato”, ha detto Walcott. “Chiunque partecipi al sorteggio sarà difficile. Hai visto le squadre lottare quando dovrebbero passare e dovrebbero vincere.È il modo in cui il set-up è ora. Anche in Premier League vedi che ogni squadra sta migliorando molto.

“Ma non importa chi otteniamo. Se tutti contribuiamo e giochiamo in questo modo, possiamo battere chiunque nel nostro giorno. Se riavremo anche alcuni dei nostri giocatori, la nostra squadra sarà ancora più forte di adesso. Mi piacerebbe rendere il lavoro un po ‘più facile la prossima volta. “