Press "Enter" to skip to content

Tutti salutano la linea offensiva dei Cowboys: le stelle trascurate della squadra più calda della NFL

Ma l’unico sport che non dovrebbe mai trascurare le parti “sotto il radar” di una squadra d’élite è la NFL. E proprio adesso, la linea offensiva dei Dallas Cowboys ne è l’esempio prototipo.

Nel football americano, gli uomini di linea offensivi sono solitamente gli ultimi a ricevere le luci della ribalta, se addirittura arrivano a loro modo. Oltre alle sfide fisiche e mentali del loro ingrato compito, gli O-Linemen sono gli unici giocatori sul campo a non avere una statistica individuale. Anche i loro fratelli difensivi hanno una possibilità di numeri gloriosi.È per questo che Von Miller e JJ Watt possono avere accordi di sponsorizzazione per abbinarli a quelli di Cam Newton e Aaron Rodgers.

Tuttavia, il giorno in cui vedete un lineman offensivo ottenere un accordo televisivo nazionale è il giorno in cui Tom Brady invita Roger Goodell al compleanno di Gisele. (Michael Oher ha fatto un film su di lui, bisogna ammetterlo, ma questo era più legato alla sua storia passata che alla sua abilità come giocatore). E nonostante rappresenti la durezza essenziale di una le mobile scommesse squadra, la linea offensiva è, in gran parte, l’unità più spendibile e meno valorizzata del roster. Invece di essere in grado di lanciare, prendere o correre veloce, tutti gli uomini di linea devono fare è essere grandi, forti e resistenti.E quelli non sono considerati “abilità” dal campionato.

Per questa stagione, e probabilmente molti altri in passato di quanto la maggior parte avrebbe riconosciuto, un’unità di linea offensiva rappresenta i giocatori più preziosi dell’intero campionato. I Dallas Cowboys non potevano essere un palcoscenico più grande e l’opportunità per gli uomini di linea offensivi di ottenere il dovuto. Invece, la stessa vecchia narrazione è stata dragata, con più riconoscimenti conferiti ai ragazzi che proteggono.

Dak Prescott ed Ezekiel Elliott hanno avuto stagioni da sogno da sogno. Elliott, lo stallone dello stato dell’Ohio, doveva essere una forza nella NFL, considerata da molti come il chiaro favorito per il debuttante dell’anno, e pensava di avere una carriera nella Hall of Fame nel momento stesso in cui aveva cinque anni. recluta di stelle fuori dalla scuola superiore.Il successo di Prescott, tuttavia, è stato la sorpresa dell’intera stagione.

L’allume dello Stato del Mississippi era un buon quarterback al college, ostacolato da un’accuratezza inconsistente e da un talento di lancio generale. È per questo che è stato selezionato fino alla fine del quarto round, passato dai Cowboys tre volte nel draft di maggio. Ma Prescott non ha migliorato la fine della NFL Combine a febbraio, soppiantando Tony Romo per diventare il nuovo volto dei Cowboys – e probabilmente il nuovo volto dell’intero campionato.Il proprietario Jerry Jones sa di avere il suo backfield probabilmente nel prossimo decennio.

Ma Prescott, Elliott e il resto dei Cowboys devono molto del loro successo a una linea offensiva così grande che i confronti sono stati attirati dal leggendario O-line “Great Wall of Dallas” degli anni ’90, che ha aiutato Troy Aikman, Emmitt Smith e Michael Irvin nella Hall of Fame. Avendo bisogno di investire nella protezione del ferito Romo, Jones, suo figlio Stephen, il coach Jason Garrett e l’intera organizzazione Cowboys hanno posto l’accento sull’avere l’elemento chiave che li ha aiutati a portare loro tre Super Bowl in un decennio.Questi investimenti hanno dato buoni frutti: per il terzo anno consecutivo i Cowboys hanno il miglior O-line nella NFL.

Se il mondo fosse giusto, Tyron Smith, Travis Frederick, Zack Martin, Ronald Leary e il veterano Doug Free sarebbe nella discussione su MVP. Le prime scelte al draft (Smith, Frederick e Martin), combinate con un free agent non motivato e motivato (Leary) e un long-staple (Free) di un decennio hanno formato il pezzo più importante della NFL in questo momento.

Senza di loro, Prescott probabilmente assomiglierebbe al solito quarterback rookie, incline agli errori, mentre Elliott non avrebbe Unibet bonus nemmeno minacciato il debutto record di Eric Dickerson. Sicuramente non faranno parte del miglior record della NFL e saranno tra i favoriti per il premio individuale più ambito della lega nella loro prima stagione.Un premio che dovrebbe andare invece alla linea offensiva, ma che non accadrà mai.

Dovranno solo accontentarsi del grande pubblico vedendoli vincere un Super Bowl come loro unico premio visibile.