Press "Enter" to skip to content

Durante i cinque anni di dominazione in Cina

La squadra

Durante i cinque anni di dominazione in Cina, Guangzhou Evergrand si è affermato come un ambiente per l’esistenza ideale di una sostanza così delicata come i calciatori brasiliani. Il denaro record è stato investito negli acquisti di paraguayani, italiani e argentini, ma il gioco è stato realizzato dall’ignoto Muriki (che ha lasciato il club un anno fa). La situazione in tempo è stata verificata dai principali azionisti del club (Evergrand Group), che hanno cambiato il vettore di trasferimento. Fabio Cannavaro è stato licenziato dopo aver perso nella Supercoppa cinese e il club era guidato da Luis Felipe Scolari.

L’aspetto del tifoso europeo nel roster “Guangzhou” in movimento evidenzia Robinho. Scolari preferito si è trasferito in Cina sei mesi fa, ha giocato 10 partite e ha segnato 3 goal. Le statistiche non sono buone notizie, ma Robinho non è bravo negli obiettivi: la magia del calcio marchiato è rimasta con l’ex ala del Real Madrid. Sì, e potrebbe segnare di più se non per il filonil proprio sul campo di calcio.

Tuttavia, non è Robi che decide di attaccare Guangzhou. All’inizio dell’anno solare, il club ha organizzato un trasferimento record, lasciando 15 milioni di euro per l’attaccante del Cruzeiro Ricardo Goularta. L’attaccante 24enne prima è entrato nei primi tre cecchini della Serie A brasiliana ed è diventato il campione del paese con Cruzeiro. In Cina, Goulart iniziò immediatamente a giustificare i soldi seri previsti per la sua transizione; nella prima stagione, è diventato il capocannoniere della squadra (e il secondo in Super League, segnando 19 gol) con 27 gol segnati e il miglior cecchino della Champions League asiatica. Goulart salta e gioca perfettamente con la testa, ha un colpo di cannone, si apre abilmente e sceglie abilmente una posizione.

Un’altra forza d’attacco a Guangzhou è il carro Elkeson, che può giocare in qualsiasi posizione in attacco e sulla linea mediana. Un centrocampista offensivo di profilo, in gioventù, Elkeson si è illuminato in Brasile, giocando da Vitoria e Botafogo. All’età di 19 anni, il Benfica acquistò la metà dei diritti, ma Elkeson preferiva l’oro orientale alle prospettive europee. Nel 2013 Guangzhou intercettò Elkeson da Terek e il brasiliano divenne immediatamente il leader del club.